HOME | PRESENTAZIONE | REGOLAMENTO | CONTATTI | GUESTBOOK | ARCHIVIO ARTICOLI | REDAZIONE | Mappa del sito | Amministrazione | Entra nella Mail
 
Domenica 19 Maggio 2019
TRADUTTORE
Italian English French German Portuguese Spanish
"VILLA CHINCANA"

                            "P. Arfeli"

SALOTTO ARTISTICO
SALOTTO CULTURALE
CIANCIANA, STORIA E...

NOTE/VOCI CIANCIANA
EBOOK SICILIA
"CARNALA" di A. Dubois

SICILIA
SALOTTO MUSICALE
TAVOLA & SALUTE
LINK D'INTERESSE

PREVISIONI METEO

LOGIN - REGISTR.
registrati al sito



grazie per esserti registrato
Home
PUISIA DI LA CLASSI SCHETTA E-mail
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da /a cura di Pietro Arfeli   

Quarantacinque anni nel cassetto e finalmente oggi nasce la possibilità (grazie a questo portale) di poter condividere questa particolare e colorita poesia con tutti e principalmente con gli amatori e cultori di antichi scritti dialettali e non.

Era la fine degli anni ’60 e viaggiavo tutti i lunedì mattina per tornare a Palermo da Cianciana. Ad Alessandria della Rocca saliva sul pullman un amico ed ex compagno della locale Scuola Media, e in uno di questi rientri a Palermo si parlava di dialetto locale, canti e poesia.

Fu allora che l’amico promise di farmi avere la copia di una poesia dialettale, scritta (se non ricordo male) dal nonno, probabilmente negli anni ’40 e che racconta di un periodo vissuto da tanti sessantenni di oggi che sicuramente, durante la lettura, ne rivivranno, con piacere, il ricordo.

Buona lettura.

P.S. La pubblicazione di  questo scritto, non è solo a fine di condividerlo nel web, ma anche per trovare l'amico di viaggio, che ci porterà alla conoscenza dell'autore, per il dargli dovuto onore.

 

PUISIA DI LA CLASSI SCHETTA


 Aiu la menti mia ca nesci matta

e supra la puisia si ci diletta,

ma nun crediti ca la trovu fatta

è la nternazioni chi mi ci porta

la testa caramici nun ma patta

pirchi stintata fà qualche ricetta.

Dunque sintiti ora di chi cosa si tratta

supra l’amuri di la classi schetta.

 

Aiu ntisu diri e raccuntari

d’omini granni e fimmini maturi

ca la giuvintù di prima amici cari

d’omini e donni d’ogni coluri

iungivanu l’età di maritari

senza c’ancora capivano d’amuri,

mmezzu li strati stavano a iucari

senza nuddra vrigogna né russura.

 

Omini e granni di vint’anni fatti

di vintiquattru e anchi di vintisetti

comu n’uccenti livati di latti

stavano fora cu fimmini schetti,

n’un c’era campu di rumpiri piatti

e mancu di sfunnari stivaletti

nzumma ci nnera di sfusari adatti

ca di malizia nun eranu netti.

 

E mmeci ora miei cari signori

fatti decanni ogni tenniru cori

ci veni la vrigogna e lu russuri

e sapi comu nasci e comu mori,

prestu cuminzia a sintiri l’oduri

canusci quali su li so’ trisuri

e poi trattannu ca parla d’amuri

frenu unn’annu cchiù li so paroli.

 

Comu vi cuntu miei cari ascoltanti

ora di prima semmu differenti

di nichi nichi cinni su abbassanti

ca mettinu a guastarisi la menti

hannu curaggiu di farisi l’amanti

senza ancora nascici li denti.

 

 La maggioranza di li fimmineddri

mittennusi ca fannu supra diddri

cu busti cu li scarpi cu li capiddri

di nastri di fittucci e zagareddri

si paranu persina li sciddri

ca ogni latu di la so peddri

luciri vonnu comu tanti stiddri.

 

L’omu schettu camina e sempiri batti

e nti li scarpi un ci vastanu petti

mmezzu li strati va facennu patti

và babbiannu cu fimmini schetti

truvannu a cu ci fa boni tratti

sempiri a ddra cantunera si va a metti

e di luntanu fannu li contratti

l’amuri fannu cu li fazzuletti.

 

Quannu la donna veru s’innamura

vidennu lu so’ cori a cantunera

ogni mumentu affacciannu ci scura

ca lu so cori s’ardi e si dispera

e paffacciari po’ di l’apertura

scusi nn’avi di  tanti culura

ca teni ntesta comu na pirrera.

 

Unni mancanu scusi paffacciari

parti affaccia c’abbrivira li sciuri

parti cuva lu ferru pi stirari

parti scotula qualchi muccaturi

parti stenni qualcosa pi asciucari

e nzumma pi fari tanticchia d’amuri

un’zannu comu megliu cuminari.

 

La missa d’ora cunsisti nna fera

pi tutti chiddri schetti liccatura

un ci va nuddru pi fari prighiera

nuddru a Cristu di chissi l’adura

ca iunti nfacci di la so’ bannera

ci veni a tutti l’arrifriddatura.

 

Cu lu so’ fazzulettu manumisu

ognun sapprufitta di lu casu

c’è cu si stuia l’occhiu e cu lu visu

cu si stuia la vucca e cu lu nasu

guarda nsutta e resta pirsuasu,

cu scaccia l’occhiu e si nesci lu risu

nzumma ognun metti lu cafisu

unni sinchi d’amuri rasu rasu.

 

(Autore anonimo)

 

 

FOOTER alla base

 


VILLACHINCANA.IT  salotto culturale Cianciana

sito fondato da Dino Vaccaro - Realizzazzione Alfonso Pace 


Sito apolitico apartitico e senza nessun scopo di lucro

Questo blog non va considerato testata giornalistica: poichè i suoi post non vengono aggiornati con cadenza periodica e preordinata, non può costituire prodotto editoriale, ai sensi della legge n.62 del 7.3.2001. Solo i responsabili, possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog. I messaggi e i commenti sono moderati dai responsabili del blog, verranno verificati pubblicati a loro discrezione. Le immagini pubblicate, quando non sono di proprietà degli autori, sono procurate con licenza di pubblico dominio o prese liberamente dalla rete. Nell’eventualità che qualcuna violasse i diritti di produzione, si pregano gli interessati di darne comunicazione a questo blog perché si provveda prontamente alla cancellazione. I contenuti del Blog sono di libero uso è richiesta, in caso di utilizzo o ripubblicazione degli stessi però la esplicita citazione della fonte.


 

A CIANCIANA SONO LE ...
Ulti Clocks content

U PIZZINU


"Se riesci a far innamorare i bambini di un libro o di due o tre, cominceranno a pensare che è un divertimento. Così, forse, da grandi, diventeranno lettori. E leggere è uno dei piaceri e degli strumenti più grandi e importanti della nostra vita”.
(Roald Dahl - scrittore inglese, 1916/1990) Henry Ford

LE NEWS di ANSA.it
Radio news 24 su VC
image
NEI SALOTTI ADESSO
 10 visitatori online

LA VOCE DI CIANCIANA

 


NUMERI ARRETRATI

SCARICABILI IN PDF









 

CONTATTACI

Mureo Mentedoro

Questa foto di Museo della Zolfara è offerta da TripAdvisor.