HOME | PRESENTAZIONE | REGOLAMENTO | CONTATTI | GUESTBOOK | ARCHIVIO ARTICOLI | REDAZIONE | Mappa del sito | Amministrazione | Entra nella Mail
 
Martedì 25 Aprile 2017
TRADUTTORE
Italian English French German Portuguese Spanish
"VILLA CHINCANA"

                            "P. Arfeli"

SALOTTO ARTISTICO
SALOTTO CULTURALE
CIANCIANA, STORIA E...

NOTE/VOCI CIANCIANA
EBOOK SICILIA
"CARNALA" di A. Dubois

SICILIA
SALOTTO MUSICALE
TAVOLA & SALUTE
LINK D'INTERESSE

PREVISIONI METEO

LOGIN - REGISTR.
registrati al sito



grazie per esserti registrato
Home CULTURA AMATORIALE
CULTURA AMATORIALE
  • D'ANGELO VINCENZO   ( 2 articoli )
    Vincent D’Angelo

       Vincenzo D’Angelo nacque a Cianciana nel 1920. Chiamato alle armi nel 1940 e spedito sul fronte orientale, fu congedato a conclusione del secondo conflitto mondiale e subito dopo emigrò in Francia (a Rive de Gier). V. D’Angelo  è poeta autenticamente popolare e la sua fu una vocazione antica, quasi innata. Il suo metro è l’endecasillabo rimato ma la sua scrittura e le sue forme risentono della mancanza di studi regolari. I motivi ispiratori della sua musa sono molteplici; su tutti prevale il mito della memoria, che lo riporta costantemente indietro nel tempo, a sentimenti più semplici e puri (amicizia, solidarietà, affetti) e a momenti di fatica e sofferenza per la pesantezza del lavoro e le discriminazioni, senza, tuttavia, astio o pregiudizi. Altra costante: l’amarezza persistente dinanzi all’attuale temperie, nella quale son crollati i valori tradizionali, che nessuno ha saputo o voluto surrogare, vittime, come siamo, dell’egoismo, del consumismo e della secolarizzazione sociale. Talvolta estemporaneo, D’Angelo dà l’impressione di dar voce al nostro contadino che, col suo cervello fino, sta attento a quanto capita, pronto a discutere con argomentazioni varie e sagge, dettate dalla sua antica sapienza, e a cogliere dettagli sfuggiti ad osservatori frettolosi e distratti.        Vincenzo D’angelo è scomparso nel 2002.
       Le sue poesie aspettano ancora di essere pubblicate in volume a stampa tipografica. (e. giannone)
       (profilo già pubblicato su La Voce di Cianciana, n° 4- settembre 2002)
  • SAVARINO FLAVIA   ( 1 Articolo )
    BIOGRAFIA

    Flavia SAVARINO, ciancianese. Conseguito nel 1985 il Diploma di Maturità Scientifica, ha intrapreso gli studi universitari iscrivendosi al corso di laurea in “Lingue e Letterature straniere moderne” senza tuttavia riuscire a prendere la laurea per motivi personali. E’ sposata con Bernardo e mamma di Rosalinda..
    Dopo aver frequentato un corso di formazione professionale  conseguendo la qualifica  di Esperto nella prevenzione e nel recupero di minori,  decide con altri colleghi del corso di intraprendere un’attività imprenditoriale nel sociale; nasce così la COOPERATIVA GIOVENALE.
    Ha composto almeno 120 poesie ( alcune già antologizzate e/o pubblicate).
     E’ suo vivo desiderio  vederle raccolte e pubblicate in una silloge.





    .
  • MONTALBANO GIOVANNI   ( 2 articoli )

    {play}images/stories/mp3/surfara.mp3{/play}
    (clicca sul play)

    Fu zolfataro vero Giovanni Montalbano (1910-1999) che lavorò in miniera fino alla completa e definitiva chiusura. Aveva iniziato a trasportare zolfo da bambino e sentiva come sua quella “tana”, affezionandosi ad un mestiere che, al di là delle sofferenze provocate, consentiva di sfamare la famiglia. Nella poesia intitolata “La chiusura di li surfari”xi emerge tutta la sua rabbia di uomo ormai sul lastrico, assieme agli ultimi cento “pirriaturi”, cui verrebbe d’imbroccare un’arma e far fuoco su “cu fici stu mali a Cianciana”. A cos’erano valsi gli indicibili sacrifici suoi e degli altri, a cosa avevano approdato i numerosi scioperi per impedire la chiusura della miniera e le mille promesse (li megliu tisori, cioè il corso di riqualificazione professionale) se tutti rischiavano di dover finire in Belgio?
    Il componimento, di sapore popolare e di tono fortemente drammatico, serve al Montalbano a sfogare anche il suo rancore, a quietare un po’il tarlo che lo rode. Rammento che aveva sempre qualcosa da raccontarmi sui suoi trascorsi minerari e a lui devo l’elenco dei Ciancianesi periti in zolfara.
        (E.G.)


     La chiusura di li surfari
       Amici, vi raccuntu un fattu veru:
    li surfarara ristaru a lu scuru.
    Chiddu chi vi cuntu è un fattu veru,
    nun è minzogna, è fattu sicuru!
       Quannu si chiujeru li surfari,
    ognunu tralassà lu so misteri,
    nni prumitteru li meglio tisori
    e all’ultimu finì a santiari!
       Mi cci jittassi comu ‘na jena
    Contro cu fici stu mali a Cianciana,
    cà quannu si chiujeru li surfari
    eramu appena centu li guirreri
       Sciopiru nni ficimu senza ma’ finiri
    Fina ca cci purtammu li muglieri.
    Cu è ca si zittiva di luntanu,
    a lu cunteggiu fu lu cchiù vicinu!
       Arriva di Palermu la risposta,
    ca lu cursu si fa e tantu basta.
    Lu surfaru misu nta ‘na costa
    Fu allavancatu di la lista.
       Liggeru l’elencu e foru centucincu,
    li veri surfarara misi a rancu!
    Nuddu si la cridiva sta risposta
    Cci fu ‘na cosa storta e tantu basta!
       L’elencu arrivà chinu chinu,
    li surfarara ristaru luntanu
    cà pi curpa di qualche mischinu
    nni livaru lu pani di li manu.
       Diu av’aiutari anchi a natri
    Cà fussi di pigliari bummi e mitri,
    cà semmu chiddi ca ruppimu petri
    e ma’ lu munnu ammu fattu li latri.
       Ora parlammu di li pensionati
    Ca di matina a sira semmu a liti,
    pi miraculu nun nni piglianu a pidati
    sti pezzi di birbanti scilarati!
       Hannu fattu se’ voti di Palermu.
    Mi pari a mia ca nun cc’è cchiù munnu
    E s’’un cci pensa ora lu guvernu
    Semmu veramenti nni lu funnu!
       Jiu lu sacciu cu purtà ssu dannu…
    Vi lu vulissi diri e mi cunfunnu…
    Però cci pensu la notti e lu jornu
    Cu misi st’operai nna lu ‘mpernu.
       Meglio ca la finisciu ora ora…
    Mannò jiu scrivu ‘nfina a primavera.
    E siddu dura ancora chistu tempu,
    jiu partu pi lu Belgiu comu un lampu!
       Jiu vi salutu a tutti, amici cari,
    ca li me versi su’ stanchi e firuci;
    e si vuliti sapiri cu li fici:
    lu figliu di Micheli Scaccianuci.

 

FOOTER alla base

 


VILLACHINCANA.IT  salotto culturale Cianciana

sito fondato da Dino Vaccaro - Realizzazzione Alfonso Pace 


Sito apolitico apartitico e senza nessun scopo di lucro

Questo blog non va considerato testata giornalistica: poichè i suoi post non vengono aggiornati con cadenza periodica e preordinata, non può costituire prodotto editoriale, ai sensi della legge n.62 del 7.3.2001. Solo i responsabili, possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog. I messaggi e i commenti sono moderati dai responsabili del blog, verranno verificati pubblicati a loro discrezione. Le immagini pubblicate, quando non sono di proprietà degli autori, sono procurate con licenza di pubblico dominio o prese liberamente dalla rete. Nell’eventualità che qualcuna violasse i diritti di produzione, si pregano gli interessati di darne comunicazione a questo blog perché si provveda prontamente alla cancellazione. I contenuti del Blog sono di libero uso è richiesta, in caso di utilizzo o ripubblicazione degli stessi però la esplicita citazione della fonte.


 

A CIANCIANA SONO LE ...
Ulti Clocks content

U PIZZINU


"Se riesci a far innamorare i bambini di un libro o di due o tre, cominceranno a pensare che è un divertimento. Così, forse, da grandi, diventeranno lettori. E leggere è uno dei piaceri e degli strumenti più grandi e importanti della nostra vita”.
(Roald Dahl - scrittore inglese, 1916/1990) Henry Ford

LE NEWS di ANSA.it
Radio news 24 su VC
image
NEI SALOTTI ADESSO
 43 visitatori online

LA VOCE DI CIANCIANA

 


NUMERI ARRETRATI

SCARICABILI IN PDF









 

CONTATTACI