HOME | PRESENTAZIONE | REGOLAMENTO | CONTATTI | GUESTBOOK | ARCHIVIO ARTICOLI | REDAZIONE | Mappa del sito | Amministrazione | Entra nella Mail
 
Sabato 19 Dicembre 2017
TRADUTTORE
Italian English French German Portuguese Spanish
"VILLA CHINCANA"

                            "P. Arfeli"

SALOTTO ARTISTICO
SALOTTO CULTURALE
CIANCIANA, STORIA E...

NOTE/VOCI CIANCIANA
EBOOK SICILIA
"CARNALA" di A. Dubois

SICILIA
SALOTTO MUSICALE
TAVOLA & SALUTE
LINK D'INTERESSE

PREVISIONI METEO

LOGIN - REGISTR.
registrati al sito



grazie per esserti registrato
Home MANIFESTAZIONI POPOLARI
MANIFESTAZIONI POPOLARI


Cianciana Tavola San Giuseppe 2012 E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
MANIFESTAZIONI POPOLARI - USANZE RELIGIOSE
Scritto da AGOSTINO D'ASCOLI   

 
 
 

 

 

 

 

 

 
LU LAMENTU E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
MANIFESTAZIONI POPOLARI - SETTIMANA SANTA
Scritto da Administrator   

 

Il dolore come sentimento è rappresentato nei canti della Settimana Santa; canti, lamintanzi, ladate, che accompagnano le processioni del Venerdì Santo, con rèpitu, chianti, triulu, lamentu.

In quasi tutti i paesi si festeggia la Settimana Santa, un insieme di celebrazioni rituali con processioni, alcune molto suggestive ed intense.

La musica di queste processioni è a carattere mesto e luttuoso, con le lamentanze, i lamenti, o parti di la Simana Santa, cioè canti più voci o monodici di tradizione orale, di grande importanza e varietà.

Questi lamenti per lo più vengono eseguiti il Venerdì Santo in forma polivocale, da parte di squadre di cantori speciali detti lamentatori, con un cantore solista, ed un accompagnamento vocale a più voci.

Lo Stabat Mater,  vene proposto in libere volgarizzazioni dal latino storpiato; a volte sono accompagnati dalle traccole. I testi sono a carattere narrativo, raccontano la Passione di Gesù, il dolore di Maria.

Alla Croce del Signore c’è la Madre nel dolore mentre il figlio muore. 
Incurante della gente nel suo intimo fremente ha una spada in cuore. 
La tristezza e l’afflizione non avranno paragone nel destino umano. 
Quel di Cristo è duro letto e chi muore è il più perfetto: tese a noi la mano. 
Chi osservando il grande dramma, di quel figlio e di tal mamma può restare inerte? 
Goccia sangue dalla testa Maria bagna la sua vesta da ferite aperte. 
Pensa al popolo ribelle che la sconta sulla pelle del suo Figlio mite. 
Lo ricorda bambinello sul presepio e sul tinello della lor dimora. 
Or s’accorge che il suo figlio, membra bianche come il giglio, è all’estrema ora. 
Madre cara dell’amore facci soci al tuo dolore, spezza il cuore duro, 
Facci ardere di fede scuoti il petto a chi non crede, crolli l’erto muro. 
Santa Madre ti preghiamo quelle piaghe le vogliamo per unirci a Voi. 
Il tuo figlio si ferito che s’è offerto, che ha patito sa che siamo suoi. 
Per il resto della vita l’alma nostra resti unita alla sua Passione. 
Madre, ascolta questa voce stringi tutti a quella croce: abbi compassione. 
Quella morte e quelle pene percorrendoci le vene son divino innesto. 
Per la santa redenzione una vera conversione giunga al cuore, presto. 
Dal pericolo supremo per te salvi un dì saremo se ci copre il manto. 
Il Risorto e il suo sorriso ci assicuri il paradiso nell’eterno canto. 
Amen.

LAMENTO CIANCIANESE  - Stabat Mater


1a strofa

        

 

 

2a  strofa

  

 

 

 

3a  strofa

  

 

 

 

4a strofa

  

 

 

 

5a  strofa

  

 

 

 

6a strofa

  

 

 

 

7a strofa

 

 

8a strofa

 

 

9a strofa

 

 

10a strofa

 

 
Pellegrinaggio e religiosità popolare E-mail
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 
MANIFESTAZIONI POPOLARI - USANZE RELIGIOSE
Scritto da Antonio Giannone   
Tesina di Antonio Giannone

  Il Pellegrinaggio, pratica molto antica, comune a tutte le religioni e classi sociali, ha assunto in seno al Cristianesimo forme e modalità diverse non sempre riconducibili ad un’unica tipologia per la diversità delle motivazioni, dei luoghi, delle culture popolari nelle quali s’è incarnato o da cui è scaturito.
   Per pellegrinaggio (d’ora in poi p.) s’intende il recarsi, per devozione o penitenza, per catarsi o per ex-voto, in un luogo che la pietas popolare considera sacro; un luogo in cui
generalmente sorge una Chiesa (o Santuario) che custodisce reliquie o immagini miracolose o è stata edificata nei luoghi della vita e passione di Nostro Signore Gesù o vi è apparso, come la Madonna  o i Santi, o vi è nato od operato un Santo. Si pensi a luoghi come Gerusalemme, Nazaret, Betlem, Roma, Santiago de Compostela, Padova, Lourdes, Fatima, Loreto, Medjugorie, Czestochowa, S. Giovanni Rotondo, stando a quelli di fama internazionale; ma ve ne sono altri, meno noti e legati a un p. che potremmo definire locale o regionale.
   Procediamo con ordine.
Leggi tutto...
 
Venerdì Santo di D'Ascoli Agostino E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
MANIFESTAZIONI POPOLARI - SETTIMANA SANTA
Scritto da D'Ascoli Agostino   
Leggi tutto...
 


 

FOOTER alla base

 


VILLACHINCANA.IT  salotto culturale Cianciana

sito fondato da Dino Vaccaro - Realizzazzione Alfonso Pace 


Sito apolitico apartitico e senza nessun scopo di lucro

Questo blog non va considerato testata giornalistica: poichè i suoi post non vengono aggiornati con cadenza periodica e preordinata, non può costituire prodotto editoriale, ai sensi della legge n.62 del 7.3.2001. Solo i responsabili, possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog. I messaggi e i commenti sono moderati dai responsabili del blog, verranno verificati pubblicati a loro discrezione. Le immagini pubblicate, quando non sono di proprietà degli autori, sono procurate con licenza di pubblico dominio o prese liberamente dalla rete. Nell’eventualità che qualcuna violasse i diritti di produzione, si pregano gli interessati di darne comunicazione a questo blog perché si provveda prontamente alla cancellazione. I contenuti del Blog sono di libero uso è richiesta, in caso di utilizzo o ripubblicazione degli stessi però la esplicita citazione della fonte.


 

A CIANCIANA SONO LE ...
Ulti Clocks content

U PIZZINU


"Se riesci a far innamorare i bambini di un libro o di due o tre, cominceranno a pensare che è un divertimento. Così, forse, da grandi, diventeranno lettori. E leggere è uno dei piaceri e degli strumenti più grandi e importanti della nostra vita”.
(Roald Dahl - scrittore inglese, 1916/1990) Henry Ford

LE NEWS di ANSA.it
Radio news 24 su VC
image
NEI SALOTTI ADESSO
 20 visitatori online

LA VOCE DI CIANCIANA

 


NUMERI ARRETRATI

SCARICABILI IN PDF









 

CONTATTACI