HOME | PRESENTAZIONE | REGOLAMENTO | CONTATTI | GUESTBOOK | ARCHIVIO ARTICOLI | REDAZIONE | Mappa del sito | Amministrazione | Entra nella Mail
 
Sabato 22 Dicembre 2018
TRADUTTORE
Italian English French German Portuguese Spanish
"VILLA CHINCANA"

                            "P. Arfeli"

SALOTTO ARTISTICO
SALOTTO CULTURALE
CIANCIANA, STORIA E...

NOTE/VOCI CIANCIANA
EBOOK SICILIA
"CARNALA" di A. Dubois

SICILIA
SALOTTO MUSICALE
TAVOLA & SALUTE
LINK D'INTERESSE

PREVISIONI METEO

LOGIN - REGISTR.
registrati al sito



grazie per esserti registrato
Home NARRATIVA
NARRATIVA


L’ASINO, IL VECCHIO; IL BAMBINO E TANTI ALTRI E-mail
Valutazione attuale: / 9
ScarsoOttimo 
NARRATIVA - D'ASCOLI AGOSTINO
Scritto da A. D'ascoli   
Per le vie di un piccolo paesino un vecchietto andava a piedi tirandosi dietro il suo asinello sulla groppa del quale stava seduto un bambino – “Ma guardate lì che scena! Il vecchietto che non può neanche camminare va a piedi, mentre il bambino, che potrebbe correre, va a cavallo!”- Il vecchietto, sentiti i discori di quel gruppo di gente, per non dare adito ad altre dicerie, fece smontare il bambino per farlo andare a piedi e montò lui in groppa all’asino. I tre proseguirono, così, nel loro cammino.
“ Ma guardate lì che roba!... il bambino con le sue piccole e  tenere gambine va a piedi, mentre il vecchio, che può benissimo camminare , sta comodamente seduto in groppa. L’anziano contadino, sentito il  parere di quel secondo gruppo di persone e convinto che fosse giusto ciò che essi dicessero, decise di far salire anche il bambino in groppa all’asino. Proseguirono, così, entrambi a cavallo. ( “ a ridaglie!” direbbero a Roma ) 
Leggi tutto...
 
MATRIMONIO DI PAESE – Cianciana – ( Quarta parte ) E-mail
Valutazione attuale: / 13
ScarsoOttimo 
NARRATIVA - D'ASCOLI AGOSTINO
Scritto da Dascoli Agostino   
                                                                      Lu  Scrittu

Si deve scrivere tutto  “ pi  comu è ghiustu e duviri “ per come è giusto e dovere... “ Oi dumani ‘na cosa...: chiddru chi è scrittu leggiri si po’ “ oggi domani dovesse succedere qualcosa: quello che è scritto si può sempre leggere ( Verba volant...). Ma proprio tutto in quell’atto di dote “lu scrittu” nel quale annotare, punto punto, tutti i beni “ la roba” che i genitori  intendevano donare, in questo caso,  alla figliola, prossima alle nozze.
Presenti: i genitori , sia di lei che di lui, due testimoni ( a volte anche tre – quattro)  e  “ ‘n ‘omu di pinna “ un uomo di penna; un qualcuno capace di leggere e scrivere, anche se malamente, perchè a quei tempi era molto ma molto difficile trovare  “ ’n’allittratu “ un letterato.
Leggi tutto...
 
C’era ’na vota.2 E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
NARRATIVA - D'ANGELO GIOVANNI
Scritto da Giovanni D'angelo (Giuggiu)   

Ediz. Il sole di tutti, Bergamo 2008
Nota di Eugenio Giannone

   Immaginate che una piovosa sera d’inverno vada via, improvvisamente, la corrente elettrica. Non è possibile? Lo è, specialmente nei piccoli centri dell’entroterra siciliano; fortunatamente oggi con scarsissima frequenza, ma una volta, ad ogni starnuto, ad ogni piscio di cane o gallina, alle prime gocce di pioggia… tacte: via la luce!
   In quelle lunghe e gelide notti ci si riuniva attorno al braciere ad ascoltare “li cunti antichi”, con la presenza del vicinato e alla luce fioca d’una candela, d’un lume o qualche “spicchiu” (orciuolo).
   Oggi il braciere, il focolare, è rappresentato dalla Tv, ma senza corrente come si fa? Chiedetelo a Giovanni: ha risolto il problema, per sé, per i nipotini, per chi ha voglia di leggerlo, anche alla chiara luce di un neon.
   Attraverso una lunga serie di documentari in bianco e nero, che la sua fervida penna ci regala, fa emergere una serie di figure e situazioni d’altri tempi, d’un passato ancora prossimo, che si materializzano narrando la storia della comunità ciancianese fatta di mestieranti, di abitudini, di sentimenti genuini, di religiosità e folklore, di motteggi e ingegnosità, degli appuntamenti della vita, volti a favorire un rapporto nuovo e diverso – contemporaneamente antico -  con la natura e un più meditato modo di confrontarsi tra individui per riappropriarci di valori certi, tornare al dialogo tra componenti dello stesso nucleo familiare.
   Proprio per questo dovrebbe andare via la corrente elettrica e impedire che quell’orribile scatola magica, con i suoi reality e la sua spazzatura, infesti le nostre case e le nostre menti, catturando l’attenzione e facendoci dimenticare quanti e quanto ci circondano e vivere in un mondo virtuale che continuamente ci disillude.
   Ritrovare antichi sapori si può. Contro l’anestesia del cervello: dialogo e sensibilizzazione.
   C’era ‘na vota.2 di Giovanni D’Angelo si colloca sulla scia del precedente volume, ripercorrendone lo stile aggraziato e il linguaggio, sempre parlato, fluido, accattivante, che invita alla meditazione e all’ascolto di questo autentico cantastorie.

 
C’era ’na vota.1 E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
NARRATIVA - D'ANGELO GIOVANNI
Scritto da Giovanni D'angelo (Giuggiu)   

Scritto da Eugenio Giannone   
Giovanni D’Angelo
C’era ’na vota.1
Ediz. Il sole di tutti, Bergamo, 2007
Prefazione di Eugenio Giannone

   Un viaggio a ritroso nel tempo a ricostruire, sul filo della memoria, gli anni spensierati dell’infanzia e della prima giovinezza che, seppure travagliati e non immuni da privazioni e stenti, erano fondati su saldi rapporti interpersonali, animati da sani principi, e
 caratterizzati da una serenità e felicità che molti oggi cercano, “in questi tempi d’arroganza, d’invidia, dell’apparire ad ogni costo”, senza riuscire a trovarle forse”per disimpegno, trascuratezza, paura di sbagliare”.
  “C’era una volta” è un archivio della memoria, che non vuole imporre modelli di vita ormai improponibili ma invitare a riscoprire determinati valori, magari datati, eppure insostituibili anche in questa società dell’usa e getta, che pare refrattaria a ogni tipo di sollecitazione, onnivora, che tritura ogni cosa, tutte le mode, senza pensare a quello che potrà essere domani.
   La colpa non è dei giovani ma nostra – e questo è il grande rammarico di Giovanni _ ché non abbiamo saputo trasmettere i valori cui da piccoli siamo stati informati, abdicando al ruolo di genitori-educatori, dimenticando la lezione dei padri. Che i giovani sappiano, che i meno giovani rammentino, prima a se stessi e poi agli altri, per non disperdere iol ricco patrimonio della nostra storia sociale, civile e politica, nel quale  affondano le nostre radici, la cui conoscenza è indispensabile per capire il presente e costruire consapevolmente il futuro, trasmettendoci, da generazione in generazione, il testimone della civiltà.
   In questo film, ricco di flashback, riemerge la storia del popolo ciancianese, l’analisi d’uno spaccato d’altri tempi in cui non c’erano cioccolatini, caramelle o giocattoli da offrire ai bambini ma tutto aveva un gusto particolare condito con “odori, sapori, natura e compagnia” perché esisteva ancora l’epopea del vicinato, che si manifestava nei momenti belli e gai dell’esistenza (fidanzamenti, matrimoni, serenate notturne ecc.) e in quelli tristi (i decessi, per esempio), che coinvolgevano parenti, amici e vicini di casa.
   Riemergono momenti salienti della vita quotidiana e figure che sembrano uscire da un libro di fiabe, poetiche e drammatiche nella loro consistenza; uomini che svolgevano con umiltà e decoro le loro mansioni perché il pane era “duci” e i bambini aspettavano con la bocca aperta: lo stagnino, il lattaio che con le sue capre o vacche serviva a domicilio i clienti, il conciapelli, il mediatore (sinzali), il conzalemme (conciabrocche), il banditore (vanniaturi), il ciaramiddaru (zampognaro), gli ambulanti (es.. l’arrotino), il cantastorie che intratteneva in piazza con la sua chitarra e il suo telo istoriato. In piazza, sotto la Torre dell’Orologio, dove, prima che albeggiasse, si riunivano operai e braccianti nella speranza di essere scelti per una giornata di lavoro e che dall’imbrunire, o durante le ore delle giornate piovose, affollavano i laboratori artigiani (allora numerosi) di sarti, calzolai, barbieri trascorrendo amenamente il tempo tra frizzi e lazzi, scambiandosi informazioni ed esperienze, commentando l’accaduto, cantando e sparlando di tutto e di più.
   L’amarezza per la povertà diffusa, per la sporcizia, per le condizioni igieniche precarie, per i sacrifici atti a far studiare (arrinesciri) un figlio che riscattasse tutta la famiglia, il tenero ricordo di mamme e donne  perennemente incinte vengono stemperati dal ricordo della semplicità dei costumi e dell’amicizia disinteressata, che si cementava ogni sera, attorno al braciere, quando qualcuno rievocava le vicende del Conte di Montecristo, dei Beati Paoli, della Bella dei sette veli, affabulando e incantando i fanciulli che cascavano dal sonno; anche dal ricordo della spensieratezza dei giochi ruspanti, dell’ingegnarsi giovanile per procurarsi i soldi per il biglietto del cinematografo, dei rimedi empirici ma efficaci per curare malattie e far rimarginare in fretta le ferite (li merchi) di cui erano ricchi i figli della strada, quali erano tutti i bambini, che trascorrevano il loro tempo negli immondezzai, rincorrendosi, schiamazzando e liberando la loro fantasia. Non tutti potevano farlo: a sette anni molti erano già uomini, abbandonavano le elementari andando a lavorare in campagna, in zolfara o apprendendo un mestiere, che generalmente era quello del padre. Andavano laceri, scalzi, erano denutriti, rachitici e suscitavano una gran pena; tanti motivano in tenera età con dispiacere anche dei maestri che a quei tempi adottavano la didattica della virga. Tempi travagliati, amari, certamente, in cui ogni persona svolgeva un suo ruolo, ogni cosa occupava un posto preciso e le stagioni erano scandite dalla fatica, soprattutto contadina, dalla sacralità del lavoro e dalla santità del focolare con i suoi principi, dai riti religiosi molto partecipati, dalle tradizioni, dalla percezione di tante virtù e dalla saggezza degli anziani.
   Beato chi ha un paese da raccontare: il paese è Cianciana, ma potrebbe essere uno qualsiasi del Meridione; un paese che dagli anni del racconto ha più che dimezzato  la sua popolazione, falcidiata dall’emigrazione, con i suoi innumerevoli problemi irrisolti, con le sue incombenze, le sue abitudini e tradizioni che, in C’era ’na vota, vengono esposte in un linguaggio infarcito di termini dialettali che non per questo perde incisività, ammaliatore, paranetico, teso alla riproposizione di valori che “è peccato far perdere”.
   Per concludere: un’opera che va degnamente a collocarsi accanto a quelle di altri autori ciancianesi di storia e costume, di tradizioni popolari, ambiente ecc, colmando un vuoto e della quale siamo grati all’autore.

 
MATRIMONIO DI PAESE - Cianciana – ( Terza parte ) E-mail
Valutazione attuale: / 11
ScarsoOttimo 
NARRATIVA - D'ASCOLI AGOSTINO
Scritto da D'Ascoli Agostino   

La serenata veniva portata, alla persona amata, dallo spasimante o dal fidanzato, per quest’ultimo un dovere; una cosa seria ed impegnativa, perciò, spesso, i canti venivano,da questo, provati e riprovati insieme ai musici che lo avrebbero dovuto poi accompagnare.

" Nun si pò fari malafigura!" non si può fare brutta figura ( Di cani ululanti e asini raglianti ve ne erano già tanti...in quel tempo). Saper cantare e possedere una bella voce intonata erano doti molto apprezzate, perciò, un bel biglietto di presentazione. Le serenate fatte " a frustustù " alla belle e meglio, specialmente se portate da uno spasimante; da un pretendente, di solito andavano a finire a " rinalate "; a " corpa di cantaru" colpi di cantero, dopo averne versato il contenuto addosso ai malcapitati. C’era di peggio e bisognava stare molto attenti perchè la permalosità è frutto dell’ignoranza, quest’ultima, in quel tempo, molto ma molto diffusa....come la lupara.

Un gruppetto formato, solitamente, da non più di dieci persone, musicanti compresi,

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 4

 

FOOTER alla base

 


VILLACHINCANA.IT  salotto culturale Cianciana

sito fondato da Dino Vaccaro - Realizzazzione Alfonso Pace 


Sito apolitico apartitico e senza nessun scopo di lucro

Questo blog non va considerato testata giornalistica: poichè i suoi post non vengono aggiornati con cadenza periodica e preordinata, non può costituire prodotto editoriale, ai sensi della legge n.62 del 7.3.2001. Solo i responsabili, possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog. I messaggi e i commenti sono moderati dai responsabili del blog, verranno verificati pubblicati a loro discrezione. Le immagini pubblicate, quando non sono di proprietà degli autori, sono procurate con licenza di pubblico dominio o prese liberamente dalla rete. Nell’eventualità che qualcuna violasse i diritti di produzione, si pregano gli interessati di darne comunicazione a questo blog perché si provveda prontamente alla cancellazione. I contenuti del Blog sono di libero uso è richiesta, in caso di utilizzo o ripubblicazione degli stessi però la esplicita citazione della fonte.


 

A CIANCIANA SONO LE ...
Ulti Clocks content

U PIZZINU


"Se riesci a far innamorare i bambini di un libro o di due o tre, cominceranno a pensare che è un divertimento. Così, forse, da grandi, diventeranno lettori. E leggere è uno dei piaceri e degli strumenti più grandi e importanti della nostra vita”.
(Roald Dahl - scrittore inglese, 1916/1990) Henry Ford

LE NEWS di ANSA.it
Radio news 24 su VC
image
NEI SALOTTI ADESSO
 8 visitatori online

LA VOCE DI CIANCIANA

 


NUMERI ARRETRATI

SCARICABILI IN PDF









 

CONTATTACI

Mureo Mentedoro

Questa foto di Museo della Zolfara è offerta da TripAdvisor.