HOME | PRESENTAZIONE | REGOLAMENTO | CONTATTI | GUESTBOOK | ARCHIVIO ARTICOLI | REDAZIONE | Mappa del sito | Amministrazione | Entra nella Mail
 
Lunedì 22 Ottobre 2018
TRADUTTORE
Italian English French German Portuguese Spanish
"VILLA CHINCANA"

                            "P. Arfeli"

SALOTTO ARTISTICO
SALOTTO CULTURALE
CIANCIANA, STORIA E...

NOTE/VOCI CIANCIANA
EBOOK SICILIA
"CARNALA" di A. Dubois

SICILIA
SALOTTO MUSICALE
TAVOLA & SALUTE
LINK D'INTERESSE

PREVISIONI METEO

LOGIN - REGISTR.
registrati al sito



grazie per esserti registrato
Home SAGGISTICA TAORMINA FRANCESCO Una strana festività
Una strana festività E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
SAGGISTICA - TAORMINA FRANCESCO
Scritto da Francesco Taormina   

Una strana festività

In quei giorni non feci altro che ascoltare, riuscii solo a dire se non alcune parole. Ascoltavo ogni cosa, e soprattutto cercavo di vivere, di percepire tutto così, come avveniva nella sua realtà. Un tempo tremendo e freddoloso ci accompagnò per i cinque giorni, dove la campagna con i suoi fiori e colori s’attardava al risveglio.

Colui che maggiormente ascoltai fu lo zio falegname, che m’introdusse in cose che non sapevo e che mai prima modo ebbi di fruire e godere nella loro pienezza.

Dopo quaranta cinque anni andai a vivere una strana festività, e con me, non potevano mancare coloro che mi sostituiranno, perché dovranno anch’essi sapere. Fra di loro c’erano gli occhi di

un’altra avventura.

<<Ho già costruito il mio “tabbuto” (in arabo tabout è la bara), tutto in mogano, rosso, di quello vero. Non finto come talune industrie vogliono farci credere. Ai lati ho intarsiato delle candele bianche che faranno una luce accecante; al mio momento me ne andrò, e arrivato da Caronte resterà stupefatto nel mirare con quanta maestria è stato costruito. Poi, attraversato il fiume, arriverò davanti al cane a tre teste che abbaierà fino a quando non lo sentiranno dalla valle dello Jato, alla valle dei templi. Guardalo… è maestoso. Mogano …quello vero.

 

Avevo scolpito il bastone del santo, ma quello è d’ulivo, lo usa per camminare in corteo per tutto il periodo festivo.

Cent’anni addietro mio nonno inaugurò questa presentazione, allora i falegnami erano nutrita categoria e i “tabbuti” erano costruiti con le nostre mani a sculture. Si dice che un giorno arrivò la tributaria per il computo dei morti e “tabbuti”, ne mancò uno all’appello, ma mastro Maddì assicurò tutti che la salma fu portata a “braccetto” (sottobraccio) dai suoi familiari fino al camposanto. Questa è festa dei poveri, noi prendiamo davvero i più malandati, li vestiamo da santi, li innalziamo, diamo loro delle tavole (altari) con tutto ciò che l’intero paese può offrire. Si infornano dei pani come sculture, le aquile reali a due teste ad indicare i due poteri, formate da mandorle e pistacchi con miele e caramello. Poi tanti cuori di mandorle……quelli forse sono in

eccesso. Da tanti anni c’è il solito che per giorni pulisce le verdure; la solita che prepara le aquile a due teste, i soliti che impastano il pane scolpito. Come ogni anno tutto avviene in corteo e si danza con la mente, i tamburi davanti, che dettano il ritmo, la banda in fondo che alterna le marce. Si raccolgono denari per le vie del paese bussando porta a porta, quelli che resteranno saranno dati ai poveri. Qui il santo falegname è forse la figura che nelle festività emerge, perché è un lavoratore, e di lui a ben pensare, non ricordo molti miracoli.

Ora, dopo cent’anni, siete venuti tutti voi. Siete arrivati da ogni parte, mi chiedo se è davvero possibile che la memoria d’un vecchio morto prima del secondo dopo guerra, oppure la centenaria ricorrenza di una festività, siano i motivi di questa vostra venuta. Penso oltremodo, per non esser da voi stessi sconfessato, ciò che qui vi ha portato è la vostra appartenenza. Voi tutti siete partecipi della parola che voi stessi avete dato; in essa portate l’esperienza dei vostri modi di vivere, che con la stessa parola data è ormai oblio e memoria. Il descriverla diviene mito, racconto, oppure ciò che tutti sanno; in realtà non sanno del vissuto, quello è indescrivibile, si vive e basta. Ecco il vero motivo per cui ora siete qui, per vivere la vostra stessa promessa, affinché diventi mito, racconto per quelli che dopo di voi verranno e come voi vivranno il significato di memoria.

Ancor oggi, e tu l’hai visto, i santi bussano per ben tre volte prima d’essere accolti al “fondaco”, ma i cavalieri possidenti e ricchi con sigari cubani tra i denti, anch’essi chiedono asilo. Così ancor oggi, continuiamo a mandar fuori i santi, per far posto alle lucenti bardature dei destrieri dei ricchi possidenti terrieri. E’ così che finisce la festa, i santi sono scacciati, ma i denari che resteranno saranno dei poveri>>.

francesco taormina

 

 

FOOTER alla base

 


VILLACHINCANA.IT  salotto culturale Cianciana

sito fondato da Dino Vaccaro - Realizzazzione Alfonso Pace 


Sito apolitico apartitico e senza nessun scopo di lucro

Questo blog non va considerato testata giornalistica: poichè i suoi post non vengono aggiornati con cadenza periodica e preordinata, non può costituire prodotto editoriale, ai sensi della legge n.62 del 7.3.2001. Solo i responsabili, possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog. I messaggi e i commenti sono moderati dai responsabili del blog, verranno verificati pubblicati a loro discrezione. Le immagini pubblicate, quando non sono di proprietà degli autori, sono procurate con licenza di pubblico dominio o prese liberamente dalla rete. Nell’eventualità che qualcuna violasse i diritti di produzione, si pregano gli interessati di darne comunicazione a questo blog perché si provveda prontamente alla cancellazione. I contenuti del Blog sono di libero uso è richiesta, in caso di utilizzo o ripubblicazione degli stessi però la esplicita citazione della fonte.


 

A CIANCIANA SONO LE ...
Ulti Clocks content

U PIZZINU


"Se riesci a far innamorare i bambini di un libro o di due o tre, cominceranno a pensare che è un divertimento. Così, forse, da grandi, diventeranno lettori. E leggere è uno dei piaceri e degli strumenti più grandi e importanti della nostra vita”.
(Roald Dahl - scrittore inglese, 1916/1990) Henry Ford

LE NEWS di ANSA.it
Radio news 24 su VC
image
NEI SALOTTI ADESSO
 15 visitatori online

LA VOCE DI CIANCIANA

 


NUMERI ARRETRATI

SCARICABILI IN PDF









 

CONTATTACI

Mureo Mentedoro

Questa foto di Museo della Zolfara è offerta da TripAdvisor.